| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • You already know Dokkio is an AI-powered assistant to organize & manage your digital files & messages. Very soon, Dokkio will support Outlook as well as One Drive. Check it out today!

View
 

Il Motore A Razzo

Page history last edited by PBworks 16 years, 3 months ago

IL Motore A Razzo

 

 


 

Membri del gruppo

 

  • Campagna Walter
  • Guerrisi Fabrizio
  • Paravati Luigi 
  • Russo Luca 

 


 

 

 

Il motore a razzo, anche noto come endoreattore, è un motore a getto che si basa sul principio di azione

e reazione per produrre una spinta. Esso è alimentato sia di combustibile sia di comburente, capace di funzionare anche in

assenza di ossigeno atmosferico e di atmosfera.

 

 


 

Cenni storici

 

Il motore a razzo è una delle più antiche macchine termiche: veniva usato dagli Arabi come macchina da guerra fin

dal XIII secolo. Il perfezionamento tecnico ebbe invece un grande incremento nel nostro secolo, per favorirne le

imprese militari e le imprese spaziali.

 

Funzionamento

 

Il motore a razzo è costituito da una camera di combustione, all'interno della quale viene bruciato il

combustibile. I gas di combustione vengono convogliati all'esterno mediante una strettoia, detta ugello di Laval,

la quale trasforma una parte della loro energia termica disordinata in energia di movimento ordinato;

facendo in modo quindi che i gas a temperatura elevata escano dal motore parzialmente raffreddati  e sotto

forma di getti gassosi ordinati in una determinata direzione. Per il principio della quantità di moto,

il motore si muove in direzione opposta. I vari tipi di motore differiscono tra loro per il tipo di propellente.

 

 


 

 

I vari tipi di propellente

 

Razzo a propellente SOLIDO: sono i più semplici e sono rivolti  all'uso bellico perché il propellente si esaurisce in pochissimi minuti e

la combustione non è regolabile.

Razzo a propellente LIQUIDO: usato per i veicoli spaziali , in serbatoi affiancati o sovrapposti corredati

da pompe e valvole di regolazione che consentono variazioni di erogazione (e di spinta) e accensioni ripetute.

Razzo MONOPROPELLENTE: può essere liquido o gassoso, costituito da una sostanza (o una miscela di sostanze) che contiene il combustibile e il comburente

Razzo BIPROPELLENTE: che può essere liquido (combustibile e comburente in serbatoi separati) o solido

(i due componenti mescolati e solidificati in un blocco):

combustibile e comburente possono interagire esplosivamente mediante innesco, oppure semplicemente venendo a contatto.

 

 


 

Il terzo principio della dinamica

 

Da un punto di vista elementare il principio fisico che spiega il funzionamento del motore a razzo

è il terzo principio della dinamica. Una formulazione più raffinata di quest'ultimo conduce quindi alla legge di

conservazione della quantità di moto.

 

 


 

 

Il rendimento

 

Il rendimento di un motore a razzo è il rapporto tra la quantità di energia disordinata che l'ugello di Laval ha trasformato

in energia di movimento ordinato e l'energia totale del gas. Si tratta di un rendimento teorico e occorre anche

ricordare che il lavoro ottenuto con l'ugello di Laval non si trasforma tutto in energia cinetica del razzo; la maggior parte è infatti spesa

sottoforma di energia cinetica dei getti gassosi, i quali devono uscire ad altissima velocità e, pertanto, il rendimento effettivo del

motore è di gran lunga minore di quello calcolato. Di conseguenza non si potrà nemmeno calcolare con esattezza la

velocità che un razzo potrebbe raggiungere sia perchè non si conosce l'effettivo rendimento e la sua massa è

variabile, in quanto quest'ultima diminuisce con l'espulsione dei gas.

 

 


 

Esempi di motore a razzo

 

 

Motori aerei di tipo jet: In questi tipi di motore il combustibile viene bruciato con aria, che viene aspirata dall’atmosfera e

viene compressa tramite un compressore che la invia nella camera di combustione.

Qui insieme al carburante, venendo a contatto con l’aria compressa e calda si incendia spontaneamente. 

I gas prodotti dalla combustione, uscendo, urtano contro le pale di una piccola turbina, collegata al compressore, mettendola in rotazione,

permettono il funzionamento del compressore stesso.

 

Razzi Interplanetari: Sono destinati a viaggiare fuori dall’atmosfera, e quindi non possono usare l’aria come comburente ma usano ossigeno liquido,

che viene iniettato direttamente nella camera di combustione insieme al combustibile.

Il motore non ha quindi bisogno né del compressore ne della turbina. La combustione dell’idrogeno e dell’ossigeno liquidi a contatto è spontanea,

con formazione di vapore acqueo e liberazione di energia.

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.